Servizi

Addizionale IRPEF

L’addizionale comunale IRPEF è una imposta istituita nel 1998 e successivamente modificata tra il 1999 e il 2007, con articolazione in due aliquote distinte. La prima delle due componenti è relativa all’aliquota di compartecipazione dell’addizionale Irpef, ed è stabilita in misura uguale per tutti i Comuni: ogni anno il Ministero delle Finanze stabilisce la proporzione, senza gravare come aggiunta impositiva ulteriore rispetto all’Irpef. La seconda è relativa all’aliquota opzionale, stabilita dai singoli Comuni, e in grado di rappresentare un’aggiunta impositiva per i contribuenti rispetto a quanto già si paga a titolo di Irpef.

L’aliquota viene stabilita da ogni Comune fino a un limite massimo dello 0,8%. L’Irpef è pagata da tutti i contribuenti, fatta eccezione per quelli che sono già soggetti alle imposte sui redditi delle persone giuridiche, a quelli che possiedono solo redditi esenti Irpef (o redditi soggetti a tassazione separata) e contribuenti che possiedono un reddito imponibile Irpef inferiore alle soglie minime contemplate.


Riferimenti Normativi: 

Regolamento imposta Comunale Pubblicità e Affissione


Comune di Santeramo in Colle

Piazza Papa Giovanni Paolo II
70029 Santeramo in Colle (BA)
Tel.  080.3033319 - 310 - 313
Fax: 080.3023710

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Giorni, Orari per il Pubblico

dal Lunedì - Mercoledì - Venerdì dalle 10.00 alle 12.00
il Martedì dalle 16.00 alle 18.00

 

 

Celebrazione matrimonio civile presso il Municipio o gli Uffici Separati di Stato Civile

Il Regolamento disciplina le modalità di celebrazione dei matrimoni civili come regolati dalle disposizioni di cui dall’art. 106 all’art. 114 del codice civile. La celebrazione del matrimonio è attività istituzionale garantita.

Il Sindaco, nella sua qualità di Ufficiale dello Stato Civile, celebra i matrimoni civili. Egli può delegare le relative funzioni a dipendenti comunali a tempo indeterminato abilitati o al Segretario Comunale. Possono celebrare i matrimoni civili anche assessori o consiglieri comunali o cittadini italiani che abbiano i requisiti per la elezione a consigliere comunale ed appositamente delegati dal Sindaco.

Con questo regolamento i matrimoni civili vengono celebrati esclusivamente nella Casa Comunale e, più precisamente, nell’ufficio del Sindaco e nella Sala Consiliare.


E' possibile far richiesta per tutti i giorni della settimana dal Lunedì al Venerdì dalle ore 09.00 alle ore 12.00 e inoltre anche il Martedì pomeriggio dalle ore 16.00 alle ore 18.00.

La celebrazione richiesta in giorni e/o orari diversi, su richiesta degli interessati, è subordinata alla disponibilità degli operatori e delle strutture dell’Amministrazione Comunale.

Le celebrazioni di matrimonio sono comunque sospese durante le seguenti feste: tutte le Domeniche; 1° e 6 Gennaio; la Domenica di Pasqua ed il giorno successivo; il 25 Aprile; il 1° Maggio; il 2 Giugno; il 15 Agosto; il 1° Novembre; l’8, il 25 e 26 Dicembre.

La celebrazione del matrimonio, nel giorno di sabato e negli orari differenti dallo schema su indicato, è subordinata alla disponibilità degli operatori e delle strutture dell’Amministrazione Comunale e previo pagamento dell’importo delle tariffe qui di seguito elencate:

Il Sabato mattina (dalle ore 09.00 alle ore 12.00) : € 50,00

Il Sabato pomeriggio (dalle ore 15.00 alle ore 19.00) : € 100,00

Le predette tariffe potranno essere aggiornate annualmente dalla Giunta Comunale, intendendosi confermate quelle in vigore qualora la Giunta Comunale non vi provveda.
Nella determinazione delle tariffe sono da considerarsi ricompresi a titolo di rimborso forfetario: il costo del personale necessario per l’espletamento del servizio; il costo dei servizi offerti per la celebrazione del matrimonio (riscaldamento, energia elettrica, pulizia, allestimenti, ecc,).

La richiesta relativa alla scelta della data, degli spazi e degli orari, deve essere inoltrata compilando l’apposito modulo (allegato “A” al presente Regolamento), all’Ufficio di Stato Civile del Comune, almeno 20 giorni lavorativi precedenti la data di celebrazione, unitamente all’esibizione della ricevuta dell’avvenuto pagamento presso la Tesoreria Comunale , dell’eventuale tariffa dovuta.

 

Cittadinanza italiana per adozione

ADOZIONE

Le adozioni sono normalmente trascritte d'ufficio su trasmissione del Tribunale di competenza.

Nessun costo

Come richiedere le pubblicazioni per matrimonio civile

MATRIMONIO CIVILE
Dichiarazione degli sposi (e' stato predisposto un apposito modulo). L'ufficio procederà ad acquisire i documenti necessari.

Come richiedere le pubblicazioni per matrimonio religioso

Dichiarazione degli sposi (e' stato predisposto un apposito modulo). L'ufficio procederà ad acquisire i documenti necessari.
Occorre presentare la richiesta di pubblicazione rilasciata dal Parroco della Chiesa, in Bari,di appartenenza di uno dei due nubendi.
Decorsi undici giorni dall’affissione delle pubblicazioni, viene rilasciato nulla osta per la Chiesa (in caso di smarrimento del nulla osta e' necessaria la dichiarazione del Parroco che attesta lo smarrimento e chiede il rilascio del duplicato).
Nel caso in cui uno dei nubendi sia cittadino di altra nazionalità occorre un suo documento di identità, nonché il nulla-osta rilasciato dal Consolato di appartenenza con sede in Italia.

Copie conformi all'originale

L'autenticazione di documenti è possibile per:
- copie conformi all'originale
- fotografie esclusivamente per il rilascio di documenti personali.

Decesso e Servizi Cimiteriali

Per le denunce di decesso che obbligatoriamente devono essere effettuate entro le ore 08,00 del giorno successivo a quello festivo, le stesse potranno essere effettuate chiamando al numero telefonico 080/3036014.

Diritti di pubblica affissione (DPA) e Imposta Comunale sulla Pubblicità (ICP)

 

Il servizio delle pubbliche affissioni,  assicura l’affissione negli appositi impianti a ciò destinati, di manifesti contenenti comunicazioni aventi finalità commerciali, istituzionali, sociali.
Sono esenti dal pagamento di tali diritti tutti i manifesti riguardanti le attività istituzionali poste in essere dal Comune e da esso svolto in via esclusiva, nonchè ogni altro manifesto la cui affissione sia obbligatoria per legge.

Il Servizio è gestito attualmente dall'Ufficio Tributi in P.zza Simone, 8 - Tel. 080/3028328

Tempi : I manifesti possono essere consegnati direttamente presso l'ufficio tributi o spediti. Devono giungere entro tre giorni la data di inizio affissione altrimenti è dovuto il diritto d'urgenza

Costi:  Previsti dalla delibera di approvazione delle relative tariffe 


Modulistica: 

Modulo istanza pubblica affissione

Riferimenti Normativi: 

Regolamento imposta Comunale Pubblicità e Affissione

Tariffe DPA

 

Comune di Santeramo in Colle

Piazza Papa Giovanni Paolo II
70029 Santeramo in Colle (BA)
Tel.  080.3033319 - 310 - 313
Fax: 080.3023710

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Giorni, Orari per il Pubblico

dal Lunedì - Mercoledì - Venerdì dalle 10.00 alle 12.00
il Martedì dalle 16.00 alle 18.00

 

 

Elettorale

La tenuta e la revisione delle liste elettorali sono disciplinate dal Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223.
L’Ufficio Elettorale tiene ed aggiorna le liste elettorali che si distinguono in generali e sezionali.
Le liste elettorali generali comprendono tutto il corpo elettorale.

Imposta Municipale Propria - IMU

IMU: tutto quello che devi sapere

Il presupposto dell'IMU è il possesso di immobili (fabbricati, aree edificabili e terreni agricoli).

L’IMU si calcola applicando al valore dell’immobile l’aliquota deliberata annualmente dal Comune.

L'IMU non si paga per l'abitazione principale del soggetto passivo di imposta e per gli immobili ad essa equiparati dalla legge o dal regolamento IMU comunale, ad eccezione di quelli classificati nelle categorie catastali A1, A8 e A9 che rimangono soggetti all'imposta.

I soggetti passivi dell’imposta sono il proprietario (sono esclusi i nudi proprietari e gli affittuari di immobili); il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie; l’ex coniuge assegnatario della casa coniugale, in qualità di titolare del diritto di abitazione (se si tratta di abitazione di categoria A/1, A/8 e A/9); il locatario di contratti di leasing di beni immobili ed i concessionari di aree demaniali.

Calcola l'IMU clicca qui


NOTIZIE CORRELATE 

- INFORMAZIONI PER VERSAMENTO IMU 2020 (03/06/2020) 

L Ufficio tributi comunale informa che è in scadenza il 16 Giugno il pagamento della prima rata di acconto della IMU 2020. Si ricorda che a partire da questo anno corrente ai sensi della Legge 160/2019 -  comma 780 - è abolita la TASI.  La prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l anno 2019. Il versamento della rata a saldo dell imposta dovuta per l intero anno sarà eseguito, a conguaglio, sulla base delle aliquote risultanti dal prospetto delle aliquote che approverà il Comune di Santeramo in Colle.

SCADENZA VERSAMENTO SALDO IMU 2020

Il 16 dicembre 2020 scade il termine per il versamento del saldo dell’Imposta Municipale Propria (IMU) relativa all’anno 2020. Il saldo, per tutte le fattispecie non escluse e/o esenti, è pari all’imposta dovuta per l’intero anno 2020 calcolata applicando le aliquote e le detrazioni stabilite dal Comune  con conguaglio sulla rata versata in acconto nel mese di giugno. Chi versa dopo tale data dovrà pagare una sanzione.

NOTA BENE 1 - DECRETO AGOSTO
Ai sensi dell’art. 78, c. 1, D.L. 14 agosto 2020, n. 104, in considerazione degli effetti connessi all'emergenza epidemiologica da COVID-19, per l'anno 2020 non è dovuta la seconda rata dell'IMU per:
a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;
b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e relative pertinenze, immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate; l'esenzione per le pertinenze di immobili rientranti nella categoria catastale D/2 si applica anche relativamente alla prima rata;
c) immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell'ambito di eventi fieristici o manifestazioni;
d) immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate;
e) immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night-club e simili, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

NOTA BENE 2 - DECRETO RISTORI - D.L. 137/2020

Decreto Legge 28 ottobre 2020, n. 137 – ART. 9. (Cancellazione della seconda rata IMU)

1. Ferme restando le disposizioni dell'articolo 78 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126, in considerazione degli effetti connessi all'emergenza epidemiologica da COVID-19, per l'anno 2020, non e' dovuta la seconda rata dell'imposta municipale propria (IMU) di cui all'articolo 1, commi da 738 a 783, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, concernente gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attivita' indicate nella tabella di cui all'allegato 1 al presente decreto, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attivita' ivi esercitate.

NOTA BENE 23 - DECRETO RISTORI BIS
Decreto Legge 9 novembre 2020, n. 149

·        articolo 1 “Sostituzione dell'Allegato 1 al decreto-legge 28 ottobre 2020 n. 137”
per sostenere ulteriori attività economiche colpite dall'emergenza epidemiologica da Covid-19 viene sostituito, ampliando, l'Allegato 1 al D.L. 137/2020 che cancella per le attività ivi indicate la seconda rata IMU sempre a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate;

·        articolo 5 “Cancellazione della seconda rata IMU” in considerazione degli effetti connessi all'emergenza epidemiologica da Covid-19, per l'anno 2020 non è dovuta la seconda rata IMU, per gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attività indicate nella tabella di cui all'Allegato 2 del suddetto decreto, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate ubicati nei comuni delle aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto ”zone rosse”.

Informazioni
Per ulteriori informazioni si prega di contattare l’Ufficio Tributi del Comune.

Allegati:

Delibera_C.C._n._24_-_2016_TASI

Delibera_C.C._n._23_-2016_IMU

Modulistica:

Regolamento IMU 2020

Modello dichiarazione IMU

Istanza riduzione IMU per inagibilità

Aliquote IMU 2020

Aree edificabili 2020

Iscrizione nelle liste elettorali dei cittadini dell'Unione Europea

I cittadini stranieri dei paesi dell'Unione europea residenti a Santeramo in Colle possono esercitare il diritto di voto per l'elezione del Parlamento Europeo, del Sindaco e del Consiglio Comunale.
La domanda di iscrizione nelle liste elettorali aggiunte deve essere presentata:
- Per l'elezione Europea, non oltre il 90° giorno antecedente la data della consultazione elettorale.
- Per le elezione amministrative comunali, non oltre il quinto giorno successivo all'affissione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali.

Documenti da presentare
- la domanda deve essere redatta in carta semplice su modulo prestampato disponibile presso l'ufficio elettorale
- La consegna della domanda può essere delegata ad altra persona che dovrà presentare, in allegato alla domanda, una fotocopia non autenticata del documento di identità del richiedente l'iscrizione
- è ammessa anche la presentazione via fax, allegando fotocopia di un documento di identità del richiedente
- l'iscrizione resta valida fino alla richiesta di cancellazione da parte dell'interessato.
Qualora la domanda non fosse accolta, il cittadino riceve dall'ufficio elettorale tutte le informazioni utili per l'inoltro di un eventuale ricorso da predisporre secondo la normativa vigente.

Liste elettorali - Consultazioni e copie

Le liste elettorali possono essere rilasciate in copia per finalità di applicazione della disciplina in materia di elettorato attivo e passivo, di studio, di ricerca statistica, scientifica, storica o di carattere socio-assistenziale o per il perseguimento di un interesse collettivo o diffuso.

COME SI FA?

Richiesta in carta semplice, indirizzata al Sindaco, con specifica delle motivazioni, utilizzando il modello in calce alla pagina

Rateazione avvisi di accertamento tributi locali


Modulistica:

Istanza di rateizzazione

 

Comune di Santeramo in Colle

Piazza Papa Giovanni Paolo II
70029 Santeramo in Colle (BA)
Tel.  080.3033319 - 310 - 313
Fax: 080.3023710

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Giorni, Orari per il Pubblico

dal Lunedì - Mercoledì - Venerdì dalle 10.00 alle 12.00
il Martedì dalle 16.00 alle 18.00

 

 

Regime Patrimoniale - Comunione o separazione dei beni dei coniugi

Al momento del matrimonio, i due coniugi devono scegliere il regime patrimoniale: comunione o separazione dei beni.
La comunione legale dei beni è il regime legale previsto dal codice nel caso in cui non vi sia stata una scelta diversa da parte dei coniugi (art. 159 c.c.). La comunione dei beni realizza una parità dei coniugi, consentendo loro una gestione ed una titolarità comune del patrimonio familiare.

La separazione dei beni si ha quando ciascuno dei coniugi è il solo proprietario dei beni acquistati durante il matrimonio. Egli ha quindi il diritto di goderli ed amministrarli, salvo naturalmente l'obbligo di contribuire ai bisogni della famiglia in relazione alle proprie sostanze e capacità di lavoro.

La scelta del regime patrimoniale è effettuata all'atto del matrimonio, con dichiarazione verbale all'Ufficiale dello Stato Civile o al Parroco celebrante il matrimonio. 
Se la scelta è effettuata successivamente alla celebrazione del matrimonio, è necessario un atto stipulato davanti a un notaio (in tal caso occorre fornire al notaio un estratto dell'atto di matrimonio, ritirabile presso gli sportelli certificativi dello Stato civile).

Riacquisto della cittadinanza italiana

Procedimento che permette di riacquistare la cittadinanza italiana dopo averla perduta, in riferimento ai casi stabiliti dalla Legge 91 del 1992.

Riacquisto dopo 1 anno di residenza - art.13 let.D

Chi ha perduto la cittadinanza la riacquista automaticamente dopo un anno dalla data in cui ha stabilito la residenza nel territorio della Repubblica, salvo espressa rinuncia entro lo stesso termine.
La cittadinanza decorre da un anno e un giorno successivi all'iscrizione in anagrafe.

Riacquisto con dichiarazione - art.13 let.C

Chi ha perduto la cittadinanza la riacquista se dichiara di volerla riacquistare ed ha stabilito o stabilisce, entro un anno dalla dichiarazione, la residenza nel territorio della Repubblica.
La cittadinanza decorre dal giorno successivo alla dichiarazione.

Riacquisto dopo abbandono dipendenze estere - art.13 let.E

Chi ha perduto la cittadinanza la riacquista se, avendola perduta per non aver ottemperato all'intimazione di abbandonare l'impiego o la carica accettati da uno Stato, da un ente pubblico estero o da un ente internazionale, ovvero il servizio militare per uno Stato estero, dichiara di volerla riacquistare, sempre che abbia stabilito la residenza da almeno due anni nel territorio della Repubblica e provi di aver abbandonato l'impiego o la carica o il servizio militare, assunti o prestati nonostante l'intimazione di cui all'articolo 12, comma 1.

REQUISITI SPECIFICI

  • Certificazione o altra documentazione che provi l'abbandono della carica/servizio straniero
  • Residenza in Italia da almeno 2 anni (e attuale a santeramo)

Riacquisto per servizio militare o lavoro statale - art.13 let.A e B

Chi ha perduto la cittadinanza la riacquista: 
a) se presta effettivo servizio militare per lo Stato italiano e dichiara previamente di volerla riacquistare; 
b) se, assumendo o avendo assunto un pubblico impiego alle dipendenze dello Stato, anche all'estero, dichiara di volerla riacquistare.

Riacquisto a norma dell’art. 17

La donna che, per effetto di matrimonio con straniero o di mutamento di cittadinanza da parte del marito, ha perduto la cittadinanza italiana prima dell'entrata in vigore della presente legge, la riacquista con dichiarazione resa all'autorità competente a norma dell'art. 36 delle disposizioni di attuazione del codice civile.

REQUISITI SPECIFICI

  • Aver perduto la cittadinanza a norma degli art. 10 e 11 L 555/12 o per non aver reso l'opzione prevista all'art. 5 L 123/83

COME SI FA?

La domanda si presenza sotto forma di istanza allo Sportello, di fronte all'Ufficiale di Stato Civile.

COSA OCCORRE?

  • 1 marca da bollo da 16 euro (non necessaria per riacquisto dopo 1 anno di residenza)
  • Titolo di soggiorno
  • Documentazione anagrafica da cui risulti il trascorso possesso della cittadinanza italiana
  • Passaporto straniero e documentazione relativa al possesso della cittadinanza straniera ovvero alla status di apolidia da produrre dall'interessato
  • Dichiarazione di voler riacquistare la cittadinanza italiana (non necessaria per riacquisto dopo 1 anno di residenza)
  • Residenza nel Comune di santeramo

Richiesta cittadinanza italiana

Sono previste le seguenti tipologie di certificazione, da richiedere presso l'ufficio elettorale:
- iscrizione alle liste elettorali e godimento dei diritti politici
- dichiarazione di svolgimento della funzione di componente di seggio elettorale
- certificato cumulativo (iscrizione alle liste elettorali, residenza, cittadinanza, stato di famiglia) rilasciato anche dall'ufficio anagrafe

Richiesta rilascio passaporti e permessi di espatrio

Il Passaporto è  il documento indispensabile per la libera circolazione delle persone per viaggiare al di fuori dei paesi della comunità europea (o che hanno accordi particolari con gli stati membri).

Modalità di erogazione
La domanda per il rilascio può essere presentata presso i seguenti uffici del luogo di residenza o di domicilio o di dimora:
- la Questura
- l’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza
- la stazione dei Carabinieri
- l’ufficio postale
- l’ufficio comunale

Documentazione da presentare (modulistica, fototessere, certificati etc…)

  • un documento di riconoscimento valido;
  • 2 foto formato tessera identiche e recenti (attenersi strettamente alle indicazioni previste nel link per evitare il rigetto della foto da parte delle nuove macchine che valutano la correttezza del formato);
  • 1 marca per concessioni governative di € 40,29 per passaporto. Dal 1 settembre 2007 si utilizzeranno esclusivamente i contrassegni telematici;
  • la ricevuta di pagamento di € 44,66 per il libretto a 32 pagine e di € 45,62 per quello a 48 pagine.

Il versamento va effettuato sul conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento del tesoro. La causale è: “importo per il rilascio del passaporto elettronico. Vi consigliamo di utilizzare i bollettini pre-compilati distribuiti dagli uffici postali.
Se chi richiede il passaporto ha figli minori, anche non conviventi, è necessario che entrambi i genitori firmino, presso l'ufficio in cui si presenta la documentazione, la dichiarazione di figli minori.
Se l'altro genitore è impossibilitato a presentarsi per la dichiarazione, può allegare una fotocopia del documento firmato in originale e il suo assenso scritto.

Rinnovo e proroga del Passaporto
Dal 2003 la legge ha elevato a dieci anni la validità del passaporto, eliminando l'obbligo del rinnovo quinquennale.
Per chi avesse fatto il passaporto prima di quella data è possibile prorogare la durata fino ad un massimo di 10 anni dalla data del rilascio, presentando la domanda presso i seguenti uffici:
- la Questura
- l’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza
- la stazione dei Carabinieri
- l’ufficio postale
- l’ufficio comunale

Per il rinnovo del passaporto è necessario presentare la domanda e il vecchio passaporto.

Passaporto per minori
Il minore può viaggiare:

  •  fino a 15 anni, con un certificato o estratto di nascita vidimato dal questore (cosiddetto lasciapassare);
  • fino a 16 anni, con l’iscrizione sul passaporto di un genitore o di chi ne fa le veci;
  • con il passaporto individuale, che diventa obbligatorio al compimento del 16° anno;
  • Il certificato o l'estratto di nascita viene rilasciato dal comune di residenza del minore.

Se si viaggia nei paesi dell’Unione Europea è sufficiente che il minore abbia la carta d’identità valida per l’espatrio (anche questa rilasciata dal comune di residenza).
Per richiedere il passaporto per il figlio minore è necessario l'assenso di entrambi i genitori (coniugati, conviventi, separati o divorziati). Questi devono firmare l'assenso presso l'ufficio in cui si presenta la documentazione. In mancanza dell’assenso viene richiesto il nulla osta del giudice tutelare.
Se l'altro genitore è impossibilitato a presentarsi per la dichiarazione, può allegare una fotocopia del documento firmato in originale e il suo assenso scritto.
N.B. I minori di 10 anni che utilizzano il passaporto individuale devono viaggiare con uno dei genitori o con chi ne fa le veci.
Diversamente, deve essere riportato il nome della persona o dell'ente cui il minore viene affidato sullo stesso passaporto o in una dichiarazione di accompagno, sottoscritta da chi esercita sul minore la potestà e vistata dagli organi competenti al rilascio del passaporto.

Il passaporto per entrare negli Stati Uniti d'America
Per recarsi negli Stati Uniti d’America senza necessità di visto, usufruendo del programma "Visa Waiver Program - Viaggio senza Visto", sono validi i seguenti passaporti:
- passaporto elettronico, unico tipo di passaporto che viene rilasciato a partire dal 26 ottobre 2006;
- passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005;
- passaporto con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006.

Per usufruire del programma "Visa Waiver Program" (Viaggio senza visto) è necessario:
- viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo;
- rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;
- possedere un biglietto di ritorno.

In mancanza anche di uno dei requisiti elencati, è necessario richiedere il visto. Ricordiamo che il passaporto deve essere in corso di validità: la data di scadenza deve essere successiva alla data prevista per il rientro in Italia.La mancata partenza dagli U.S.A. entro i 90 giorni, potrà compromettere la possibilità di usare nuovamente il programma. I minori potranno beneficiare del Visa Waiver Program solo se in possesso di passaporto individuale, non essendo sufficiente né la loro iscrizione sul passaporto dei genitori, né il lasciapassare. Nel caso in cui il minore sia iscritto nel passaporto di uno dei genitori, bisognerà richiedere il visto, qualunque sia il periodo di soggiorno negli U.S.A.

 

allegati:

Atto assenso tra genitori

Come presentare le fotografie

Dichiarazione Coniuge

 

Rilascio carte d'identità

La Carta d'Identità è un documento di riconoscimento strettamente personale dove sono contenuti i dati anagrafici, e altri dati ed elementi (lo stato civile, la cittadinanza, la professione, una fotografia, ecc.) utili ad identificare la persona a cui tale documento si riferisce. La carta d'identità è rilasciata a partire dal quindicesimo anno d'età. Può essere rilasciata anche ai non residenti previo rilascio di nulla osta da parte del comune di residenza.

Modalità di erogazione
I cittadini residenti nel comune di Santeramo in Colle, devono recarsi presso gli sportelli dell’Ufficio Anagrafe. Il rinnovo è possibile anche 180 giorni  prima della scadenza di validità.

Documentazione da allegare (modulistica, fototessere, certificati etc…)
- 3 fotografie recenti formato tessera;
- presentare un documento di riconoscimento valido o la carta d'identita' scaduta da meno di sei mesi, oppure essere   accompagnati da due testimoni maggiorenni che dovranno esibire documenti di riconoscimento validi.

Attenzione:
Se chi richiede la carta e' un interdetto, occorre presentare anche una copia del provvedimento d'interdizione.
Per i cittadini italiani iscritti all'Anagrafe Italiani Residenti all'Estero (A.I.R.E.) di un Comune diverso da quello di Santeramo in Colle,   occorre anche il nulla osta del Comune d'iscrizione. Tale nulla osta e' acquisito d'ufficio.
Per i cittadini residenti in altri comuni occorre acquisire d'ufficio, presso il Comune di residenza, il nulla osta al rilascio.

Note:
La carta d'identità valida per l'espatrio occorre per entrare sia nei paesi dell'Unione Europea che non hanno aderito al trattato di Schengen (Danimarca, Finlandia, Grecia, Irlanda, Regno Unito e Svezia) e sia in: Cipro, Croazia, Islanda, Liechtenstein, Macedonia, Malta, Norvegia, Principato di Monaco. Slovenia, Svizzera, e, solo per i viaggi turistici organizzati anche in Marocco, Tunisia e Turchia.
In caso di smarrimento o furto per ottenere un duplicato va presentato all’ufficio la denuncia fatta alle autorità di pubblica sicurezza e un altro documento identificativo in corso di validità.

Non è autocertificabile

Carta di Identità a domicilio per cittadini impossibilitati a recarsi presso gli uffici anagrafici
Solo per gravi motivi (malattia, invalidità etc.) si procede al rilascio della Carta d'identità al domicilio dell'interessato presentando un certificato medico

TARI - Tassa dei rifiuti

A decorrere dal 1° gennaio 2014 è stata istituita la Tassa sui Rifiuti (TARI) in base a quanto previsto dall'art. 1, comma 639 e seguenti della L. 147/2013. La nuova tassa rifiuti sostituisce la Tarsu applicata dal Comune fino al 2013.

La TARI è istituita a copertura integrale dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento.

Il presupposto della TARI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte operative suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sono, invece, escluse dalla TARI le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, nonché le aree comuni condominiali di cui all'art. 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in esclusiva.

La Tari è dovuta da chiunque possieda o detenga il locale o l'area e, quindi, dal soggetto utilizzatore dell'immobile. In caso di detenzione breve dell'immobile, di durata non superiore a sei mesi la tassa non è dovuta dall'utilizzatore ma resta esclusivamente in capo al possessore ( proprietario o titolare di usufrutto, uso, abitazione o superficie ). In caso di pluralità di utilizzatori, essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria .

Il tributo è corrisposto in base a tariffa riferita all'anno solare e commisurata tenendo conto dei criteri determinati dal DPR n. 158 del 1999. Le tariffe della TARI sono determinate con delibera di Consiglio comunale e sono articolate nelle fasce di utenza domestica e non domestica. Le prime sono costituite dalle abitazioni mentre le seconde ricomprendono tutte le restanti utenze ( attività commerciali, industriali, professionali e produttive in genere ) .

In materia di TARI il Comune ha facoltà di introdurre agevolazioni ed esenzioni . A tal fine si richiama quanto previsto dal Regolamento comunale IUC, per la parte riguardante la TARI, approvato con D.C.C. n. 33 del 30/09/2014.

 


NOTIZIE CORRELATE 

- TARIFFE TARI 2019 - IMU E TASI (23/05/2019) 

L Ufficio tributi comunale informa che è in scadenza il 16 Giugno il pagamento della prima rata di acconto della IMU 2020. Si ricorda che a partire da questo anno corrente ai sensi della Legge 160/2019 -  comma 780 - è abolita la TASI.  La prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l anno 2019. Il versamento della rata a saldo dell imposta dovuta per l intero anno sarà eseguito, a conguaglio, sulla base delle aliquote risultanti dal prospetto delle aliquote che approverà il Comune di Santeramo in Colle.

Riferimenti normativi: 

Tariffe TARI 2020

Tariffe TARI 2019

Tariffe TARI 2018

Tariffe TARI 2017

Tariffe TARI 2016

Tariffe TARI 2015

Tariffe TARI 2014

Regolamento TARI 2020

Regolamento TARI (valido fino al 31.12.2015)

Regolamento IUC (valido dal 01/01/2019)

Regolamento IUC (valido dal 01/01/2016 al 31/12/2018)

Modifiche al Reg. Tari - D.C.C. 45/2015

Delibera approvaz tariffe Tari 2020

DCC pef 2019 + allegato tariffe

Modulistica:

Richiesta riduzione/esenzione TARI per ISEE

Richiesta riduzione/esenzione TARI per U.D.

Richiesta riduzione TARI per U.ND.

Richiesta rimborso TARI

TOSAP (Tassa per l'Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche)

La Tassa, a seconda della tipologia di occupazione posta in essere dal contribuente, si divide in Permanente e Temporanea. La prima si verifica, se la durata dell'occupazione, è almeno pari ad un anno, avendo riguardo per la determinazione del periodo di occupazione al n° effettivo di giorni concessi nell'atto autorizzativo (questi ultimi dovranno essere almeno 365), e non alla scadenza di tale documento. La seconda quando la durata dell'occupazione è inferiore all'anno.


  Modulistica: 

  Istanza occupazione temporanea

  Istanza occupazione permanente

  Richiesta e pagamento passo carrabile
 

  Riferimenti Normativi: 

  Tariffe Tosap

  Regolamento Tosap Parte 2

  Regolamento Tosap Parte 1

  Modifica Regolamento Tosap D.C.C. 13-2010

 

Comune di Santeramo in Colle

Piazza Papa Giovanni Paolo II
70029 Santeramo in Colle (BA)
Tel.  080.3033319 - 310 - 313
Fax: 080.3023710

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Giorni, Orari per il Pubblico

dal Lunedì - Mercoledì - Venerdì dalle 10.00 alle 12.00
il Martedì dalle 16.00 alle 18.00